Lo scopo dello yoga

Lo scopo dello yoga è rinforzare la spina dorsale in modo da poter star seduti a meditare con la schiena diritta almeno un’ora senza fatica, in una posizione che, per chi è in grado di prenderla, è più confortevole delle normali posizioni sedute “all’occidentale” con sedie o poltrone.

Ecco perché lo yoga offre così tante posizioni ed esercizi che girano la spina dorsale in tutte le direzioni, stimolando tutte le articolazioni e tutti i muscoli del corpo, anche quelli più piccoli e dimenticati dai normali allenamenti.

Il sottoprodotto dello yoga è una schiena forte e sana, articolazioni in buono stato, un sistema immunitario più robusto e una migliore salute generale.

Annunci

11 comments

  1. Detta così mi pare un pò riduttivo. Lo scopo dello Yoga è lo scopo della Meditazione. Per meditare è necessario assumere una posizione seduta con la schiena diritta, il peso scaricato a terra, le gambe incrociate, ecc.
    Ma lo scopo non è avere la schiena diritta o il corpo sano, è quello più alto e nobile della meditazione. Che, come chi fa Yoga sa, è quello di arrivare a percepire e comprendere che il Sè coincide con Dio o Atman. Da qui Yoga che vuol dire Unione, cioè Unione con Dio.

    Mi piace

  2. Sì, il commento è appropriato. Preciso meglio: “Lo scopo degli asana è rinforzare il corpo e la spina dorsale in modo da poter star seduti a meditare con la schiena riditta almeno un’ora senza fatica.”

    Mi piace

  3. Quest’è lo yoga come descritto da Patanjali migliaia di anni fa: diciamo l’ortodossia del Raja yoga, su cui vertono lo yoga sutra cioè il testo di base dell’attuale astanga yoga, l’hata yoga più praticato: in realtà gli ultimi sviluppi, diciamo da 1000 anni a questa parte, vedono negli asana e nel pranayama una forma di meditazione inscindibile da essa, per cui gli otto stadi dell’ottuplice sentiero di Patanjali sono ormai visti in maniera olisitica in una sola accezione: yoga= asana come meditazione =asana.
    Il praticante elevato potrà fare posizioni contorsionistiche in uno stato samadhico, come il praticante mediocre riscirà a fare 5 minuti di meditazione efficace su 1000 ore di “meditazione” yoga (Dyahna yoga.
    Quindi lo scopo dell’asana è il samadhi, o realizzazione dello stato superumano di godimento e unione della coscienza col mondo reale( cosmo, Shiva, Purusha).

    Paolo

    Mi piace

  4. Approfondendo, gli asana vengono considerati propedeutici alla meditazione tramite un’ interpretazione sommaria e faziosa, che introduce un’ottica di tipo gerarchico nell’ ottuplice yoga.
    Nell’asana si approfondisce il corpo grossolano per poter comprendere poi il corpo “sottile”e governare il Prana: non solo per favorire un generale stato di salute ma anche per ottenere determinati stati mentali e in seguito, dopo profonda pratica (sadhaka), spirituali.
    L’evoluzione del corpo tramite il cosidetto yoga fisico (hata) premette e, contemporaneamente e paradossalmente, presuppone dyahna( meditazione) e darhana ( concentrazione su un solo oggetto).
    Nella logica orientale, ciò che sembra l’attività di un fachiro è solamente l’innocenza di mostrare la divinità al profano osservatore.

    Mi piace

  5. Il commento di Paolo è appropriano anche se mi permetterà di commentare a mia volta che non sono d’accordo sull’uso del termine “fazioso”.

    Perché una presa di posizione sia “faziosa” occorre presupporre che esista un’ortodossia dello Yoga (che non esiste) e che esistano diverse “fazioni” o partiti o sette che lottino per affermare la propria supremazia o una ipotetica ortodossia. Anche quest’ultimo fenomeno non esiste, visto che numerosi stili di yoga convivono pacificamente, senza alcuna lotta per la supremazia, salvo forse qualche frangia di praticanti in cerca della “verità”. Il senso del mio post e’ di semplificazione divulgativa per non esperti.

    Il corso di scienze delle scuole medie non affronta in modo approfondito i temi della fisica quantistica, ma non per questo intende negarli. Allo stesso modo le osservazioni di Paolo sono pertinenti e condivisibili (salvo l’uso del termine “fazioso”, a mio modo di vedere) ma non vi era alcuna intenzione di definire una gerarchia delle membra dell’ottuplice yoga: yama, nyama, asana, pranayama, dharana, dhyana e samadhi, né di prendere le parti di qualche “fazione” dello yoga. 🙂

    Mi piace

  6. non avrei voluto con la mia affermazione screditare il blog ed il suo autore e metterne in dubbio la serenità di giudizio, bensì semplicemente far riflettere sul punto di vista( darsana appunto) dell’ortodossia indù, che, nella stessa visione yogica, promuove fini tanto pratici quanto eterogenei nei modi e nei fini.
    Concordo sul fatto che, in tale contesto , il termine fazioso dia adito ad ambiguità ed equivoci.
    Om

    Paolo

    Mi piace

  7. Ciao Gianni,
    per concludere il capitolo parafraso le precise indicazioni di una stimata insegnante italiana del metodo Iyengar di hata yoga, riprese da una nota rivista:
    l’asana può essere l’alambana (sostegno della meditazione)e qui sta l’innovazione del metodo in questione e l’asana stessa trascendendo il ruolo, l’etichetta di 3° anga, può essere utilizzato per per compiere il sistema completo, ottenendo lo scopo del sadhana, cammino spirituale yogico, il controllo pieno e quindi la cessazione delle fluttuazioni della mente e delle conseguenti modificazioni della coscienza.

    Grazie

    Om

    Mi piace

  8. Riguardo la “schiena dritta” nessuno di voi ha mai sentito parlare dei chakra? la schiena dritta serve per attivare questi centri energetici facendo fluire l’energia in essi attraverso la consapevolezza del respiro immaginando quest’ultimo come una corrente di energia ke li attraversa e man mano li attiva.

    Mi piace

  9. Ciao Gianni,
    leggo il post e i suoi commenti.
    Concordo con Giovanna quando ricorda bene che
    lo scopo dello yoga, la meta dello yoga è l’Unione tra la Coscienza individuale e la Coscienza Infinita.
    Tutte le pratiche, tutti gli 8 anga dello yoga,
    rivolte a questa meta, assumono un significato di rilievo.

    ciao,
    Guido

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...