Paura di invecchiare?

La paura di invecchiare è vecchia come la letteratura: Cleopatra e le sue ancelle se ne preoccupavano parecchio, e questa preoccupazione era condivisa da molte persone, figure storiche esistenti ma anche da figure leggendarie e mitologiche. Faust fece un patto col diavolo per non invecchiare, Dorian Gray fece una brutta fine per lo stesso motivo. Industria cosmetica e farmaceutica hanno costruito un settore economico da miliardi di euro su queste ansie.

Lo Yoga non garantisce l’eterna giovinezza, però ha un interessante effetto collaterale: è uno dei modi più economici ed efficaci per rallentare l’invecchiamento (rallentare, non fermare). E offre anche un altro benefico effetto: invece di accompagnarci nella cattiva strada di cercar di modificare il nostro corpo per aderire a un ideale impossibile, ci accompagna in una strada che, dopo qualche passo, si scopre essere ben più agevole e piacevole: accettare il proprio corpo e accompagnarlo nella sua evoluzione.

Provare per credere. L’unico problema è che lo Yoga non è una “dieta miracolo”. In molti casi si prova un concreto benessere sin dalla prima lezione e se ne intuiscono subito le potenzialità. In altri casi lo Yoga è un percorso che può richiedere mesi o anni per essere apprezzato.

Annunci

2 comments

  1. Ho quasi 56 anni anche se tutti e da sempre me ne danno/hanno dato molto
    molto meno.

    La mia unica paura legata all’eta’/invecchiamento e’ legata al mondo lavo-
    ro….dove se ne esci nessuno ti vuole piu’ anche se possiedi buona esperienza!!!!!!!!

    So che non fa parte del tema e della rubrica….ma…..!!!
    Inoltre non ho praticato e mai pratichero’ lo Yoga od altre discipline e
    non critico certo chi lo fa’ :l’mportante e’ crederci.

    Lo stress positivo/da lavoro aiutano molto di piu’. (Opinione personale)

    Cordialmente,

    Luisa da Milano

    Mi piace

  2. Cara Luisa,

    hai pienamente ragione a sostenere che una volta usciti dal mondo del lavoro dopo i 40 anni, è difficile rientrarvi, sembra che il requisito fondamentale per lavorare sia l’età e non il patrimonio di esperienza che si può portare. Grazie alla qualità di vita odierna e ai progressi della medicina, i 50/60 anni di oggi non sono paragonabili a quelli di qualche decennio fa, ma purtroppo ciò conta poco o nulla per le aziende. Quindi si può praticare tutto lo yoga che si vuole per mantenersi in forma fisicamente e mentalmente ma alla fine se non si lavora più il cervello va in corto circuito perchè, oltre ad una perdita economica, si ha la perdita di identità ( che è la cosa più importante ) e non c’è meditazione che tenga, che ti possa restituire la gioia e la voglia di combattere come il proprio lavoro.
    Ciao Luisa, in bocca al lupo ( e viva il lupo!) e se proprio non vuoi praticare lo yoga, cerca di fare un po’ di moto e di non fumare ( se fumi).

    Franz da Milano

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...