Yoga a letto – 1

Ci sono alcune interessanti posizioni Yoga che possono essere praticate anche sotto le coperte, la sera prima di addormentarsi, di notte quando capita di svegliarsi, oppure al mattino prima di alzarsi.

Il materasso, molto più morbido rispetto al pavimento, rende più facili posizioni che sul tappetino possono essere meno confortevoli (anche se il tappetino resta il posto migliore dove praticare Yoga, naturalmente).
La posizione principe per chi vuole rilassarsi e distendere i muscoli prima di dormire è balasana, la posizione del bambino. E’ una posizione che ha un’innumerevole quantità di nomi in sanscrito: io ne ho contati nove. Fra i più diffusi in Italia: sasankasana e dharmikasana. Qualcuno chiama questa posizione “della foglia morta” o della “foglia ripiegata”. Io preferisco chiamarla la posizione del bambino perché è la posizione in cui si addormentano spesso i bambini molto piccoli e io stesso mi ricordo che, quando avevo cinque o sei anni, mi addormentavo così.

Balasana, la posizione del bambino

E’ una posizione che ha delle difficoltà per alcuni adulti, soprattutto se corpulenti. Col tempo e con un po’ di pazienza può essere raggiunta da tutti con grande soddisfazione. Grazie alla morbidezza del materasso e con l’aiuto di un cuscino per appoggiare la testa, l’impresa è più facile.

Varianti interessanti, sia per chi è molto sciolto sia per chi è più rigido, sono:

1. Appoggiare la guancia destra per qualche minuto, e poi la guancia sinistra per un tempo altrettanto lungo, sia con il cuscino che senza.

2. Allargare le ginocchia tenendo le punte dei piedi vicine (chi è molto magro facendo così sollecita in modo benefico le articolazioni delle anche, un uomo corpulento oppure una donna formosa respireranno meglio e si sentiranno più a loro agio). Chi è magro ma non è sciolto può appoggiare il petto e la testa su un cuscino.
3. Tenere le braccia a candeliere (come chi alza le braccia per arrendersi) per rilassare la zona delle scapole e aprire il torace.

Una volta raggiunta la posizione desiderata o preferita, l’attenzione va rivolta nel rilassare consapevolmente tutti i muscoli e la respirazione.
Nella versione base o con le varie combinazioni delle tre varianti suggerite, la posizione del bambino distende e rilassa la schiena e i muscoli delle gambe. Tenuta per un tempo variabile da trenta secondi a qualche minuto è un buon aiuto per prendere sonno, per rilassarsi, per praticare un po’ di Yoga anche quando fa freddo oppure non c’è tempo per una pratica più regolare. (continua)
yogasutra@areablog

Annunci

2 comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...